La devianza del geraseno

MARCO (5,1-20)

[1] Intanto giunsero all’altra riva del mare, nella regione dei Geraseni.

[2] Come scese dalla barca, gli venne incontro dai sepolcri un uomo posseduto da uno spirito immondo.

[3] Egli aveva la sua dimora nei sepolcri e nessuno più riusciva a tenerlo legato neanche con catene,

[4] perché più volte era stato legato con ceppi e catene, ma aveva sempre spezzato le catene e infranto i ceppi, e nessuno più riusciva a domarlo.

[5] Continuamente, notte e giorno, tra i sepolcri e sui monti, gridava e si percuoteva con pietre.

[6] Visto Gesù da lontano, accorse, gli si gettò ai piedi,

[7] e urlando a gran voce disse: «Che hai tu in comune con me, Gesù, Figlio del Dio altissimo? Ti scongiuro, in nome di Dio, non tormentarmi!».

[8] Gli diceva infatti: «Esci, spirito immondo, da quest’uomo!».

[9] E gli domandò: «Come ti chiami?». «Mi chiamo Legione, gli rispose, perché siamo in molti».

[10] E prese a scongiurarlo con insistenza perché non lo cacciasse fuori da quella regione.

[11] Ora c’era là, sul monte, un numeroso branco di porci al pascolo.

[12] E gli spiriti lo scongiurarono: «Mandaci da quei porci, perché entriamo in essi».

[13] Glielo permise. E gli spiriti immondi uscirono ed entrarono nei porci e il branco si precipitò dal burrone nel mare; erano circa duemila e affogarono uno dopo l’altro nel mare.

[14] I mandriani allora fuggirono, portarono la notizia in città e nella campagna e la gente si mosse a vedere che cosa fosse accaduto.

[15] Giunti che furono da Gesù, videro l’indemoniato seduto, vestito e sano di mente, lui che era stato posseduto dalla Legione, ed ebbero paura.

[16] Quelli che avevano visto tutto, spiegarono loro che cosa era accaduto all’indemoniato e il fatto dei porci.

[17] Ed essi si misero a pregarlo di andarsene dal loro territorio.

[18] Mentre risaliva nella barca, colui che era stato indemoniato lo pregava di permettergli di stare con lui.

[19] Non glielo permise, ma gli disse: «Va’ nella tua casa, dai tuoi, annunzia loro ciò che il Signore ti ha fatto e la misericordia che ti ha usato».

[20] Egli se ne andò e si mise a proclamare per la Decapoli ciò che Gesù gli aveva fatto, e tutti ne erano meravigliati.

MATTEO (8,28-34)

[28] Giunto all’altra riva, nel paese dei Gadareni, due indemoniati, uscendo dai sepolcri, gli vennero incontro; erano tanto furiosi che nessuno poteva più passare per quella strada.

[29] Cominciarono a gridare: «Che cosa abbiamo noi in comune con te, Figlio di Dio? Sei venuto qui prima del tempo a tormentarci?».

[30] A qualche distanza da loro c’era una numerosa mandria di porci a pascolare;

[31] e i demoni presero a scongiurarlo dicendo: «Se ci scacci, mandaci in quella mandria».

[32] Egli disse loro: «Andate!». Ed essi, usciti dai corpi degli uomini, entrarono in quelli dei porci: ed ecco tutta la mandria si precipitò dal dirupo nel mare e perì nei flutti.

[33] I mandriani allora fuggirono ed entrati in città raccontarono ogni cosa e il fatto degli indemoniati.

[34] Tutta la città allora uscì incontro a Gesù e, vistolo, lo pregarono che si allontanasse dal loro territorio.

LUCA (8,26-39)

[26] Approdarono nella regione dei Geraseni, che sta di fronte alla Galilea.

[27] Era appena sceso a terra, quando gli venne incontro un uomo della città posseduto dai demoni. Da molto tempo non portava vestiti, né abitava in casa, ma nei sepolcri.

[28] Alla vista di Gesù gli si gettò ai piedi urlando e disse a gran voce: «Che vuoi da me, Gesù, Figlio del Dio Altissimo? Ti prego, non tormentarmi!».

[29] Gesù infatti stava ordinando allo spirito immondo di uscire da quell’uomo. Molte volte infatti s’era impossessato di lui; allora lo legavano con catene e lo custodivano in ceppi, ma egli spezzava i legami e veniva spinto dal demonio in luoghi deserti.

[30] Gesù gli domandò: «Qual è il tuo nome?». Rispose: «Legione», perché molti demoni erano entrati in lui.

[31] E lo supplicavano che non ordinasse loro di andarsene nell’abisso.

[32] Vi era là un numeroso branco di porci che pascolavano sul monte. Lo pregarono che concedesse loro di entrare nei porci; ed egli lo permise.

[33] I demoni uscirono dall’uomo ed entrarono nei porci e quel branco corse a gettarsi a precipizio dalla rupe nel lago e annegò.

[34] Quando videro ciò che era accaduto, i mandriani fuggirono e portarono la notizia nella città e nei villaggi.

[35] La gente uscì per vedere l’accaduto, arrivarono da Gesù e trovarono l’uomo dal quale erano usciti i demoni vestito e sano di mente, che sedeva ai piedi di Gesù; e furono presi da spavento.

[36] Quelli che erano stati spettatori riferirono come l’indemoniato era stato guarito.

[37] Allora tutta la popolazione del territorio dei Geraseni gli chiese che si allontanasse da loro, perché avevano molta paura. Gesù, salito su una barca, tornò indietro.

[38] L’uomo dal quale erano usciti i demoni gli chiese di restare con lui, ma egli lo congedò dicendo:

[39] «Torna a casa tua e racconta quello che Dio ti ha fatto». L’uomo se ne andò, proclamando per tutta la città quello che Gesù gli aveva fatto.

  1. 1) Intanto giunsero all’altra riva del mare, nella regione dei Geraseni.

Questo è uno dei racconti «terapeutici» di più difficile interpreta­zione, avendo esso subìto non pochi tagli e aggiunte, da vari autori e in momenti diversi, per quanto il suo significato principale non sia andato perduto. Come al solito la narrazione di Marco è molto vivace, ricca di circostanze e particolari (anche troppi – si direbbe – a giudicare dalle ri­petizioni). Arricchita di tratti specifici del rituale esorcistico, essa sembra composta da diverse scene, come un dramma in miniatura.

Il contesto spazio-temporale è facile da individuare. Siamo in un momento particolarmente felice per Gesù: notevole è il suo successo tra le folle galilaiche e non solo tra queste, poiché – dice Marco – vengono anche «dalla Giudea, da Gerusalemme, dall’Idumea e da oltre il Giorda­no e dai dintorni di Tiro e Sidone» (3,8). Vengono non solo per vederlo agire come taumaturgo (Mc 3,7-10), ma anche per sentirlo parlare come profeta ed eventuale messia (Mc 4,1-34). È diventata talmente grande la sua popolarità ch’egli è costretto a stare nei pressi del lago di Tiberia­de, con una barca sempre a disposizione, per evitare che i malati, toc­candolo, possano soffocarlo (Mc 3,9 s.). Ed è altresì costretto ad usare le cosiddette «parabole» (cioè il linguaggio allusivo, indiretto, che non usa però con gli apostoli): lo fa per non esaltare le masse, che potreb­bero sentirsi indotte ad avanzare richieste incompatibili coi suoi piani e tempi strategici. Ma il linguaggio figurato gli serviva anche per attenuare l’odio degli erodiani e dei farisei che, a causa delle sue guarigioni di sa­bato, lo volevano «perdere» (Mc 3,6); nonché l’odio degli scribi mandati da Gerusalemme, che lo accusano immediatamente di eresia e strego­neria (Mc 3,22), mentre i parenti di Nazareth lo sospettavano di «paz­zia» (Mc 3,21).

Quando Gesù e i discepoli, di notte, si dirigono con le barche verso il paese dei geraseni, lo fanno per congedarsi momentaneamente dalle folle e riprendere fiato. Gesù era così spossato – dice Marco – che appena salito su una di esse si addormentò profondamente (4,38).

Luca, a differenza di Matteo, ha rispettato di più la cronologia di Marco, ponendo questo episodio subito prima di quello di Giairo, ma la causa immediata, contingente, dell’attraversata del lago risulta inspiega­bile. Matteo invece colloca il brano fra la guarigione del lebbroso e quel­la del paralitico, disinteressandosi completamente del rapporto organico di Gesù con le folle, anzi dicendo che «Gesù, al vedere una gran folla intorno a sé, comandò che si passasse all’altra riva» (8,18)! Per cui si ha l’impressione che l’episodio sia avvenuto, rispetto alla diacronia mar­ciana, molti mesi prima.

  1. 2) Come scese dalla barca, gli venne incontro dai sepolcri un uomo posseduto da uno spirito immondo.

La Decapoli era una confederazione ellenistica di dieci città che godevano dell’autonomia comunale, la cui popolazione era prevalente­mente pagana. Nel vangelo di Marco questa è la prima regione pagana visitata da Gesù. La zona a sud-est del lago di Tiberiade (che Marco chiama dei «geraseni») è stata oggetto di contestazione nelle file degli esegeti, in quanto Gerasa (se coincide con quella odierna nella Giorda­nia orientale) si trova troppo distante dal cosiddetto «mare di Galilea», mentre Gadara, citata da Matteo, pur essendo molto più vicina, non lo è abbastanza per rendere storicamente credibile il racconto. A meno che non si voglia accettare la versione interpolata di Origene, per cui la città in questione sarebbe Gergesa, ove addirittura si può scorgere un ripido pendio che giunge fino a 30 metri dal lago.

Qui, appena «Gesù» scende dalla barca, un folle gli si avvicina, come se già lo conoscesse, o forse perché voleva parlare con qualcuno. Le sue intenzioni (diversamente da quel che appare in Matteo) non sembrano essere minacciose, anche perché Gesù non è solo. Si può propendere per l’ipotesi di un precedente incontro, forse quando la ma­lattia era meno grave, ma la grande mole di particolari circa la sintoma­tologia può essere stata offerta dallo stesso malato, la cui rinomanza doveva comunque essere notevole in quella regione e forse non solo lì (cosa che invece Matteo sembra escludere, avendo sostituito una figura specifica con «due» generiche ed equivalenti).

Ovviamente è da scartare a priori l’idea che fosse un «indemo­niato» (Matteo e Luca invece lo dicono esplicitamente). Si tratta di un modo di esprimersi di quel tempo, relativo non solo alla difficoltà di capi­re certe malattie mentali, ma anche al fatto che le tombe, qui frequenta­te dall’ossesso, erano considerate «luoghi d’impurità». Peraltro, è solo nella traduzione italiana che si parla di «possessione»: in greco e per­sino in latino si lascia semplicemente intendere, con la parola «spirito», la gravità della malattia. Lo stesso aggettivo «immondo» ha nella nostra lingua un accento molto più moralistico e dispregiativo di «impuro».

  1. 3) Egli aveva la sua dimora nei sepolcri e nessuno più riusciva a te­nerlo legato neanche con catene, 4) perché più volte era stato legato con ceppi e catene, ma aveva sempre spezzato le catene e infranto i ceppi, e nessuno più riusciva a domarlo.

Il folle abitava in qualche caverna naturale o artificiale, posta in mezzo ai giardini o ai campi, spesso a fianco d’una montagna. Un posto tranquillo e abbastanza isolato (evidentemente poco frequentato dalla popolazione locale, la quale anzi avrà pensato a questa soluzione per meglio tutelarsi). Si trattava in effetti di un ossesso dotato di forze non comuni.

A partire da adesso, Marco inizierà a fornire, sulle caratteristi­che di questa psicosi, una serie di particolari così cospicua che è difficile escludere l’idea di una grande popolarità del soggetto in questione. La descrizione è fra le più drammatiche nel suo vangelo.

Il folle era così esagitato che, pur essendo stato più volte lega­to, prima ai piedi, poi anche alle braccia, con ceppi e catene, egli aveva sempre infranto gli uni e spezzato le altre. Per questa ragione si era de­ciso di espellerlo dalla città, relegandolo presso un cimitero. La sua ma­lattia aveva preso un decorso progressivo inarrestabile, diventando sempre più preoccupante.

Nell’originale greco si comprendono meglio le intenzioni di chi lo aveva legato: tenerlo in catene finché non fosse guarito. Per un certo tempo quindi la collettività si era illusa di averlo «domato»; solo dopo l’ultimo insuccesso nessuno aveva più riprovato a incatenarlo.

Nella versione di Luca sembra che il folle abbia scelto sponta­neamente di alloggiare nei sepolcri, in quanto rifiutava di vivere «in una casa»; a volte era il «demone» a trascinarlo «nei deserti» (immagine, quest’ultima, assai convenzionale, che non trova alcun riscontro nella versione di Marco).

Nel vangelo di Matteo si stenta addirittura a capire il motivo per cui i «due indemoniati» vivessero nei sepolcri: vien solo detto ch’erano «furiosi», atteggiamento per cui – si può presumere – gli altri preferiva­no evitarli.

Ciò che di significativo appare nelle versioni di Matteo e Luca (e che non risulta affatto in Marco) è una netta e totale attribuzione di re­sponsabilità al folle in questione: cioè non si sospetta minimamente che l’atteggiamento dei geraseni possa aver giocato un ruolo di concausa nella formazione e/o nello sviluppo della malattia. L’iter della progres­siva marginalizzazione o non appare o è considerato del tutto naturale.

  1. 5) Continuamente, notte e giorno, tra i sepolcri e sui monti, gridava e si percuoteva con pietre.

Questo il comportamento dell’individuo descritto da Marco: con­tinuamente, notte e giorno, con la massima esasperazione, egli vagava tra i sepolcri e sui monti (tra la «morte» e la «vita», si potrebbe dire), gri­dando a perdifiato tutto il suo odio per l’esistenza, senza però attentare seriamente all’incolumità di nessuno, in quanto un’altra delle sue carat­teristiche fondamentali è quella di «percuotersi» (lacerarsi) con le pietre, cioè di essere un autolesionista, una vittima di se stesso. Non lo aveva­no recluso perché violento nei rapporti con gli altri, ma per timore che lo diventasse. Più avanti Marco dirà che era anche «nudo».

Da come Marco lo descrive, sembra che quest’uomo soffra di una forte lacerazione tra il desiderio soggettivo, che è inappagato, e la realtà esterna, oggettiva, giudicata ostile.

  1. 6) Visto Gesù da lontano, accorse, gli si gettò ai piedi, 7) e urlando a gran voce disse: «Che hai tu in comune con me, Gesù, figlio del Dio al­tissimo? Ti scongiuro, per Dio, non tormentarmi!». 8) Gli diceva infatti: «Esci spirito immondo da quest’uomo!». 9) E gli domandò: «Come ti chiami?». «Mi chiamo Legione, gli rispose, perché siamo in molti».

Il v. 6 è una chiara ripetizione del v. 2. Sino al v. 9 abbiamo a che fare o con un’aggiunta o con una forte modificazione dell’originale. Se si saltasse dal v. 5 al v. 10 il testo non perderebbe molta coerenza.

Se si tratta di un’aggiunta dobbiamo chiedercene il motivo. E qui si può ipotizzare quanto segue: l’autore doveva essere un cristiano di origine pagana, non solo perché usa – come l’esegesi moderna ha già capito – un’espressione («figlio di Dio altissimo») con la quale nel­l’Antico Testamento i non-ebrei indicavano la divinità suprema (Giove o Zeus); non solo perché usa un’espressione idiomatica esclamativa («per Dio») tipica del mondo greco-romano; e non solo perché usa un latini­smo («Legione») estraneo a Marco; e non solo, finalmente, perché tutta la struttura e la topica di questo dialogato ricalcano pari pari quelle dei racconti ellenistici di esorcismo; ma anche per altre due ragioni, meno tecniche, che gli esegeti tendono a sottovalutare.

Con questa aggiunta l’anonimo redattore sembra abbia voluto sottolineare la gravità della malattia attribuendone la causa ultima o allo stesso infermo di mente o a un’entità superiore alle sue forze. Ovvia­mente il nome «Legione», che è di stampo militare, non è stato scelto per far credere in una presenza di «seimila» demoni dentro di lui, ma solo per motivare meglio la grande forza dell’ossesso. Si può quindi dedurre che il manipolatore di questo racconto abbia cercato di conse­guire tre obiettivi fondamentali: 1) decolpevolizzare i geraseni dall’accu­sa di correità morale, 2) misconoscere alle giustificazioni del folle un qualunque valore etico; 3) attribuire la causa della malattia a un’entità extra-storica, la cui forza viene qui accentuata all’inverosimile.

  1. 10) E prese a scongiurarlo con insistenza perché non lo cacciasse fuori da quella regione.

Se si tratta invece di una modifica sostanziale, questo versetto, che pare conclusivo di un discorso fra Gesù e il malato (fra «l’analista» e «l’analizzato», si potrebbe dire), ci può offrire la chiave per formulare la seguente ipotesi: il folle deve aver raccontato la sua storia a Gesù, mostrandogli le ragioni del suo comportamento. Gesù, dopo aver com­preso il valore (ovviamente relativo) di queste ragioni, deve aver cerca­to, a più riprese, di convincerlo a cambiare atteggiamento (il malato dun­que non sarebbe stato irrecuperabile), finché, visti vani i suoi tentativi, gli avrà proposto di andarsene da quel luogo (almeno temporaneamen­te), trovando però anche questa volta di fronte a sé un’ostinata resisten­za.

Il geraseno era giunto alla follia perché aveva reagito in modo estremamente negativo a una situazione sociale che lui giudicava repul­siva, alienante. Egli esprime la situazione emotiva, nonché la filosofia di vita di chi, non volendosi integrare in un sistema che non accetta, vi si oppone in modo psicotico, cioè senza freni e controlli. Praticamente la sua altro non sarebbe che un’opposizione istintiva, primitiva (meramen­te individualistica) a una condizione sociale anomala, non presunta ma reale (come sarà lo stesso Marco a evidenziare).

Supponiamo ora che il termine «Legione» non sia stato aggiun­to da un redattore incapace di comprendere le cause sociali sottese a un fenomeno come quello della follia, ma sia invece una sorta di identità artificiosa che lo stesso malato si era costruito: quale ne potrebbe esse­re il significato recondito?

Proviamo ad accettare l’idea che il folle, dotato di una certa in­telligenza o sensibilità, si fosse cronicizzato (o desse comunque l’im­pressione di esserlo) in seguito alla constatazione di un’ampia sfasatura tra la sua consapevolezza del «male sociale», oggettivo, dell’ambiente circostante, e la sua capacità di trasformazione positiva delle cose; o, se vogliamo, tra la consapevolezza ch’egli aveva di analoghe insofferenze presenti, in forma più o meno latente, in altre persone e l’atteggiamento remissivo, rinunciatario di quest’ultime, non disponibili a impegnarsi per modificare la situazione. Che significato potrebbe avere, in tale conte­sto, un termine come quello di «Legione» se non che erano in «molti» a pensarla come il «folle geraseno», ma che solo lui aveva avuto il corag­gio di manifestarlo (pagando ovviamente di persona)? In tal senso il suo bisogno di restare lì si spiegherebbe coll’esigenza ch’egli aveva di di­mostrare qualcosa a qualcuno, e questo «qualcuno» altri non può esse­re che la cittadinanza di Gerasa, ovvero quella parte di popolazione più soddisfatta della propria esistenza.

Che questa ipotesi sia realistica o del tutto fantasiosa non ha molta importanza: resta il fatto che né Matteo né Luca, a differenza di Marco, sono riusciti a capire il legame genetico (di sfida e di provocazio­ne) che univa il folle al suo territorio. Per loro il dialogo si svolge non tra un malato reale e Gesù ma tra questi e «Legione»: e «Legione» (essen­do un complesso di demoni preveggenti) non ha preoccupazioni terre­ne, connesse alla realtà sociale del presente. In Luca «lo pregavano che non comandasse loro di andare nell’abisso» (8,31), in Matteo gli chiedono: «Sei venuto qua prima del tempo per tormentarci?» (8,29).

  1. 11) Ora c’era lì, sul monte, un numeroso branco di porci al pascolo.

La presenza di questa mandria è un altro indizio che ci troviamo in un territorio semi-pagano (la carne di maiale era tabù per gli ebrei). Marco qui non ne specifica il numero.

Il dramma ha cambiato improvvisamente di scena, forse a moti­vo del fatto che si era determinata una sorta di impasse. Le ragioni dei due interlocutori si erano per così dire assestate in trincea. Soltanto quando il folle getta uno sguardo su quel branco di maiali, la situazione si sblocca e procede in avanti.

  1. 12) E gli spiriti lo scongiurarono: «Mandaci da quei porci, perché en­triamo in essi».

Il folle, benché nel versetto non appaia chiaramente, deve aver fatto una proposta a Gesù, forse per dimostrargli che il suo attaccamen­to alla regione era ben motivato. Ma, facendogliela, è anche dovuto scendere a patti, vista la determinazione del terapeuta. La sua richiesta infatti è quella di poter eliminare un branco di maiali offrendo in cambio la propria guarigione. Sembra in sostanza una specie di scommessa. Da come si comporteranno i geraseni di fronte a questo scambio uomo/maiali, Gesù avrebbe dovuto capire la verità di quanto il folle ave­va sempre pensato e sempre cercato di sostenere: l’inferiorità morale dei geraseni nei suoi confronti.

  1. 13) Glielo permise. E gli spiriti immondi uscirono ed entrarono nei porci e il branco si precipitò dal burrone nel mare; erano circa duemila e affogarono uno dopo l’altro nel mare.

Gesù glielo permise per la curiosità della sfida, per verificare di persona l’attendibilità delle ragioni del folle, ma anche perché si era fida­to della sua promessa: quella di voler guarire. Il folle accettò non solo per prendersi una rivincita sui suoi compaesani, dimostrando a una per­sona autorevole le sue ragioni di vita, ma anche perché sarebbe stato Gesù stesso ad assumersi la responsabilità della strage. Era insomma un’intesa in piena regola.

  1. 14) I mandriani allora fuggirono, portarono la notizia in città e nella campagna e la gente si mosse a vedere che cosa fosse accaduto.

Poco importa che non si sia trattato proprio di duemila maiali (il numero anzi pare correlato alla forza del «demone»); quel che conta è come gli uomini reagiscono ai fatti, e qui i fatti sono due: la guarigione e la strage. I mandriani, fuggiti dalla paura (poiché temevano d’essere ac­cusati di negligenza e di dover risarcire il danno), andarono ad avvisare la città e la gente di campagna – dice Marco; ma, se è certa la paura (benché non del tutto giustificabile, in quanto è mancata la verifica della disponibilità di Gesù a sostenere l’esatta versione dei fatti), è improbabi­le una repentina e vasta notorietà dell’accaduto: Gerasa – come già det­to – era a 50 km dalla costa e Gadara (vedi Matteo) a 10 km. Conside­rando che il racconto ha subìto dei rimaneggiamenti che ne hanno gon­fiato il senso, si può presumere, approssimativamente, che i protagonisti dell’episodio (quelli oculari e quelli accorsi subito dopo) siano stati, oltre ai guardiani dei porci, i loro padroni, i discepoli di Gesù e pochi altri. Marco infatti nel testo greco, parlando della «campagna» intende riferirsi a «piccoli raggruppamenti di case». Viceversa Matteo manda inspiega­bilmente i mandriani ad avvisare non tanto i loro padroni di campagna (che potevano – è vero – trovarsi anche in città), ma tutti gli abitanti di Gadara, sicché «tutta la città uscì incontro a Gesù…» (8,34).

  1. 15) Giunti che furono da Gesù, videro l’indemoniato seduto, vestito e sano di mente, lui che era stato posseduto dalla Legione, ed ebbero paura.

Qual è la reazione della popolazione locale (la «borghesia rura­le») di fronte alla guarigione del folle? Marco non parla di stupore o di meraviglia, ma piuttosto di «paura» (anche Luca usa lo stesso termine. In Matteo invece i geraseni sono semplicemente seccati, infastiditi).

Alla paura per la strage che i mandriani avevano avuto, ora si aggiunge, da parte di tutti, la paura per quello che secondo loro è un «esorcismo». Prima avevano paura della follia, ora della guarigione; pri­ma temevano di contagiarsi, ora di ricredersi. L’atteggiamento sembra molto schematico, unilaterale. Il fatto che le cose siano cambiate così all’improvviso, a loro insaputa, li sconcerta, li sgomenta.

Il geraseno ora è «seduto, vestito e sano di mente»: Marco usa dei participi presenti e perfetti per indicare il risultato perdurante dell’a­zione o del nuovo stato. L’evidenza di questo rassicurante comporta­mento dovrebbe far capire agli astanti che il «matto» non è più lo stes­so, che qualcosa di decisivo è avvenuto dentro di lui, permettendogli di ritrovare la lucidità mentale, la cosiddetta «normalità».

Certo, è impossibile essere sicuri al 100% della sua integrale riabilitazione: fisica, morale e intellettuale (ma di chi si può esserlo a priori?). Bisognerebbe prima sentirlo parlare, sentirlo esprimere un pare­re su questa vicenda. La fine dell’ossessione non implica di per sé il re­cupero dell’obiettiva valutazione delle cose. Tuttavia, i suoi concittadini non sembrano intenzionati a offrirgli questa possibilità: pensano di po­tersi risparmiare l’attesa di una verifica che per loro sarebbe inutile.

Questo atteggiamento di paura è in realtà facilmente compren­sibile. Con una guarigione indipendente dalla loro volontà, la borghesia rurale ha perso il metro di paragone del proprio equilibrio morale e psi­cologico, la propria legittimità sociale. Nel senso che la mente risanata di quell’uomo non può più testimoniare, indirettamente o negativamente, la «verità» della loro vita, la «giustezza» del loro operato sociale ed eco­nomico.

Nelle loro false (perché formali) sicurezze ha fatto breccia la paura non solo per il folle guarito ma anche per il taumaturgo, cioè per la causa di quella inaspettata e sgradita guarigione. Che succede se un folle, ritenuto tale dalla collettività, improvvisamente guarisce con l’aiuto di un estraneo? Succede che la gente comincia ad avere coscienza del proprio limite e della presenza di un’alternativa al proprio sistema di vita, comincia in sostanza a chiedersi se questa diversa opportunità non ri­schi d’incrinare la facciata della propria monolitica costruzione. Affiorano così le prime imbarazzanti domande: «La malattia di quest’uomo era forse dovuta a un rifiuto motivato della nostra società?».

Fra l’altro, con la guarigione non era soltanto emersa, inaspet­tatamente, una critica dell’ideologia dominante. La paura non era sorta solo da questo fatto, ma anche dalle conseguenze ch’esso avrebbe po­tuto generare, e una di queste era già stata la strage dei maiali. Il «disa­stro» autorizzato da Gesù, con la complicità del folle (che altri non era stato se non l’ideatore e l’esecutore materiale della strage), si poneva anche a un livello materiale, in quanto, arbitrariamente, era stato com­piuto un attentato alla sicurezza economica di quella gente.

  1. 16) Quelli che avevano visto tutto, spiegarono loro che cosa era ac­caduto all’indemoniato e il fatto dei porci.

Il «mostro» è rinsavito, non ha più bisogno d’essere legato o te­nuto ai margini della società. Qualcuno può testimoniare a suo favore, anzi lo si può addirittura incontrare e parlargli personalmente, senza al­cuna difficoltà. Tuttavia nessuno lo fa, sono soltanto i mandriani a forni­re ulteriori ragguagli ai presenti: della parola di un ex-folle ancora non ci si fida. Marco fa capire bene nel testo greco che l’appellativo di «inde­moniato» (qui usato con l’articolo) era diventato per quella folla un nome proprio e lo era rimasto anche dopo la guarigione.

  1. 17) Ed essi si misero a pregarlo di andarsene dal loro territorio.

Se la terapia non avesse avuto un prezzo così alto da pagare, probabilmente i padroni di quei porci non l’avrebbero invitato ad andar­sene o l’avrebbero fatto con meno convinzione, con più diplomazia.

Ma così è diverso: un folle risanato (il cui destino non interessa­va a nessuno) non vale più di un branco di maiali morti. «Perché sta a noi rimetterci» – si saranno chiesti; «che colpa avevamo della sua paz­zia?»; «chi ci rimborserà?». L’ingratitudine è qui figlia legittima della loro grande avarizia. I manipolatori del testo di Marco han forse voluto ag­giungere la cifra di «duemila» per rendere più giustificabile questo ver­gognoso atteggiamento? Se così fosse, vien quasi da pensare che sia stata originata dalla stessa preoccupazione anche l’aver attribuito, da parte di qualche redattore, questo male sociale (l’avarizia) a tutta la città e a tutti i villaggi della campagna circostante. Come noto, infatti, il crite­rio della maggioranza può rendere meno riprovevoli determinati atteg­giamenti.

Ora comunque è chiaro il tipo di falsità che il folle geraseno condannava girando nudo per i monti, il tipo di logica che contestava ur­lando a squarciagola: era l’ipocrisia dei rapporti umani basati unicamen­te sul profitto o l’interesse individuale.

Ecco perché spezzava i ceppi e le catene, per dimostrare la sua irriducibile diversità alla rassegnazione dei più, la sua invincibile smania di libertà totale, assoluta, estranea a qualsiasi forma di compro­messo, insofferente a qualsiasi forma di coercizione. Ecco perché grida­va il suo odio contro l’esistenza, contro l’ambiente in cui aveva trascorso il suo passato e che, ad un certo momento, gli era apparso ipocrita, for­male, falso. Correva a più non posso sui monti per essere libero dall’or­renda cupidigia di chi vende se stesso per guadagnare tutto, per essere libero – «nudo» com’era – dagli schemi e dalle convenzioni, dai formali­smi e dalle etichette della sua gente.

Egli tuttavia era consapevole anche di un altro fondamentale aspetto: con il suo atteggiamento deviante, egli non aveva ottenuto altro che il disprezzo di chi l’aveva segregato in quel ghetto, la finta compas­sione di chi aveva gravemente ammalato la propria libertà non nell’ec­cezione della follia ma, quel che è peggio, nella normalità della vita quo­tidiana. Ecco perché si martoriava il corpo, si infliggeva da solo i colpi della propria sconfitta. La sua era una follia che lo costringeva ad esse­re vittima delle sue stesse debolezze: quanto più la sua carica aggressi­va pretendeva d’essere convincente, tanto più doveva pagare il prezzo d’una insopportabile emarginazione.

Quest’uomo si era ribellato, nell’irragionevolezza dei suoi pen­sieri, nell’istintività delle sue emozioni, che pur partivano da un fondo di verità, a un classico esempio di materialismo volgare. Per parafrasare l’anonimo manipolatore del testo si potrebbe dire che in fondo «Legio­ne» aveva visto giusto: di fronte alla prova dei porci, la coscienza dei geraseni si sarebbe rivelata più «immonda» della sua.

  1. 18) Mentre risaliva nella barca, colui che era stato indemoniato lo pregava di permettergli di stare con lui.

Gesù ha accettato di andarsene: la verità delle cose non può essere imposta, neanche quando sembra evidente. Ma forse qualcosa può ancora ottenere. Se una scommessa è stata persa, se ne può vin­cere un’altra.

L’ex-folle (Marco usa un participio aoristo per indicare la sua guarigione definitiva) non amava stare con la sua gente: lo si era capito sin dall’inizio. Nella follia pensava d’essersi ritrovato, d’aver realizzato le sue inconsce aspirazioni alla felicità, ma la disperazione, la solitudine e l’autolesionismo dimostravano proprio l’illusorietà della scelta compiuta. Affermando l’io soggettivo secondo una dinamica di mera contrapposi­zione, al di là di qualsiasi forma di socialità e mediazione, alla fine egli era giunto a odiare se stesso, a non sapersi accettare. Gesù non l’ave­va guarito dall’incapacità di «essere», ma dall’impossibilità di «diventar­lo», liberandolo dal pregiudizio di credere che la cupidigia altrui fosse l’unica fonte del suo male o che il rapporto mercantile fosse unicamente caratterizzato da esosità e speculazione.

Non basta però essere «seduti, vestiti e sani di mente» per di­mostrare la propria effettiva guarigione o il superamento delle cause ori­ginarie del male: bisogna evidenziare anche coi fatti, con l’azione della propria volontà, che si è capaci di un sano discernimento delle cose, di una condivisione umana del bisogno, affinché i sospetti dei compaesani siano delegittimati, perché privi di motivazioni plausibili. Occorre comin­ciare da qui, prima di chiedere a Gesù di «restare con lui». Dopo essersi liberati dai propri deliri e dalla propria regressione narcisistica, occorre liberarsi dal transfert, cioè da quella specie di «culto della personalità» che vanifica la necessità di un’autonomia del paziente in via di guarigio­ne.

Singolare che a Matteo non interessi minimamente il rapporto dialettico di questi due grandi protagonisti.

  1. 19) Non glielo permise, ma gli disse: «Va’ nella tua casa, dai tuoi, an­nunzia loro ciò che il Signore ti ha fatto e la misericordia che ti usato».

Gesù gli offre una prospettiva di vita nuova, senza strapparlo dal suo ambiente naturale e sociale: lo invita a riprendere il rapporto con gli amici di un tempo e con i parenti, a riconciliarsi con loro, perché è solo facendo comunità ch’egli potrà vincere la situazione conflittuale, antagonistica del suo paese, della sua regione. Appena lo aveva incon­trato, Gesù gli aveva proposto di andarsene per ritrovarsi, ora per lo stesso motivo gli propone di restare: la differenza è che ha avuto il co­raggio di guarire.

Gesù lo esorta con fiducia a tornare nella sua oikos – dice Mar­co –, cioè nella sua «abitazione domestica», per spiegare ai «suoi» il si­gnificato del sacrificio dei maiali, ovvero la misericordia del Gesù-Kyrios (titolo che qui va inteso come un equivalente di «maestro» o addirittura di «messia», tanto è vero che il geraseno era disposto a seguire Gesù come discepolo. Luca stravolge i fatti sostituendo alla parola «Signore» la parola «Dio»). Era un compito minimo per una missione che in futuro avrebbe potuto diventare grande. Da notare che non è così frequente vedere nella tradizione sinottica dei cosiddetti «miracoli» che un risana­to riceva un incarico politico di testimonianza e diffusione del vangelo.

  1. 20) Egli se ne andò e si mise a proclamare per la Decapoli ciò che Gesù gli aveva fatto, e tutti ne erano meravigliati.

Quest’uomo fece esattamente il contrario di quanto Gesù gli aveva chiesto. Anche Luca se n’è accorto, ma ne addebita la responsa­bilità alla «poca fede religiosa» del geraseno.

Egli dunque non tornò dai «suoi», ma andò per la Decapoli; non si limitò a «comunicare» nel piccolo ma pretese di «annunciare» nel grande (ancora una volta voleva tutto e subito); proclamò con vanto ciò che gli era stato «fatto» dal guaritore-Gesù, ma senza sottolineare il messaggio etico-sociale e politico del «messia-signore»; divulgò la noti­zia della inconsueta terapia, ma non disse nulla della «misericordia», cioè della gratuità, quella forma di alternativa all’avarizia che un ebreo come Gesù (di tradizione giudaica) aveva evidenziato, in modo pacifico anche se non privo di pathos, a dei pagani sul loro proprio territorio.

La conseguenza di tutto ciò è ovvia: la gente restava «meravi­gliata», ma non riusciva a credere. Pur avendo maturato, in virtù dell’al­ternativa, una diversa «coscienza» delle cose, il geraseno, nella pretesa di veder nascere automaticamente una nuova «esperienza», era ricadu­to nella sua malattia infantile: l’estremismo. «Legione» aveva visto giu­sto un’altra volta: ben consapevole della singolare avidità di quella gen­te e della non meno singolare caparbietà di quell’uomo, aveva scom­messo, sicuro di vincere, che «l’esorcismo» sarebbe stato completa­mente inutile.

Annunci

Autore: laicusblog

webmaster www.homolaicus.com

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...