L’umiltà dell’emorroissa

MARCO (5,25-34)

[25] Or una donna, che da dodici anni era affetta da emorragia

[26] e aveva molto sofferto per opera di molti medici, spendendo tutti i suoi averi senza nessun vantaggio, anzi peggiorando,

[27] udito parlare di Gesù, venne tra la folla, alle sue spalle, e gli toccò il mantello. Diceva infatti:

[28] «Se riuscirò anche solo a toccare il suo mantello, sarò guarita».

[29] E subito le si fermò il flusso di sangue, e sentì nel suo corpo che era stata guarita da quel male.

[30] Ma subito Gesù, avvertita la potenza che era uscita da lui, si voltò alla folla dicendo: «Chi mi ha toccato il mantello?».

[31] I discepoli gli dissero: «Tu vedi la folla che ti si stringe attorno e dici: Chi mi ha toccato?».

[32] Egli intanto guardava intorno, per vedere colei che aveva fatto questo.

[33] E la donna impaurita e tremante, sapendo ciò che le era accaduto, venne, gli si gettò davanti e gli disse tutta la verità.

[34] Gesù rispose: «Figlia, la tua fede ti ha salvata. Va’ in pace e sii guarita dal tuo male».

MATTEO (9,20-22)

[20] Ed ecco una donna, che soffriva d’emorragia da dodici anni, gli si accostò alle spalle e toccò il lembo del suo mantello.

[21] Pensava infatti: «Se riuscirò anche solo a toccare il suo mantello, sarò guarita».

[22] Gesù, voltatosi, la vide e disse: «Coraggio, figliola, la tua fede ti ha guarita». E in quell’istante la donna guarì.

LUCA (8,43-48)

[43] Una donna che soffriva di emorragia da dodici anni, e che nessuno era riuscito a guarire,

[44] gli si avvicinò alle spalle e gli toccò il lembo del mantello e subito il flusso di sangue si arrestò.

[45] Gesù disse: «Chi mi ha toccato?». Mentre tutti negavano, Pietro disse: «Maestro, la folla ti stringe da ogni parte e ti schiaccia».

[46] Ma Gesù disse: «Qualcuno mi ha toccato. Ho sentito che una forza è uscita da me».

[47] Allora la donna, vedendo che non poteva rimanere nascosta, si fece avanti tremando e, gettatasi ai suoi piedi, dichiarò davanti a tutto il popolo il motivo per cui l’aveva toccato, e come era stata subito guarita.

[48] Egli le disse: «Figlia, la tua fede ti ha salvata, va’ in pace!».

 

Marco (5,25-34)

25) Ora una donna, che da dodici anni era affetta da emorragia

Ancora oggi i teologi (ai quali la chiesa, specie quella cattolica, chiede di attenersi il più possibile all’ortodossia o comunque di restare entro i limiti della «decenza», per non «scandalizzare» le anime sempli­ci) trovano un discreto piacere nel cercare d’individuare i nessi che lega­no questo brano a quello, concatenato, della figlia di Giairo. Dovendo partire da una lettura forzatamente ipotetica, essi sanno di non aver nul­la da rischiare, per cui ogni loro analogia viene accolta come una vera novità in campo esegetico.

La lettura analogica o allegorica, permettendo gli accostamenti più arbitrari, è una vera delizia per quegli ermeneuti che non hanno il coraggio di aprire gli occhi sulla realtà. Diamone qualche esempio: la malattia che colpì la figlia dodicenne di Giairo la portò alla morte; la ma­lattia che da dodici anni affligge questa donna l’ha portata alla dispera­zione; oppure: la donna, tra la folla, alle spalle di Gesù, rappresenta la fede popolare; Giairo invece, davanti a Gesù e alla folla, rappresenta la scarsa fede del potere politico; e ancora: davanti a Giairo Gesù indugia, davanti alla donna no. E così via, di fantasia in fantasia. Molti secoli fa la leggenda era così di moda che gli esegeti pensarono di battezzare la donna col nome di Berenike (o Veronica, colei che avrebbe asciugato il volto di Cristo sul calvario), considerandola originaria di Cesarea di Filip­po.

A noi in realtà non interessa sapere né la vera identità della donna, né se il suo episodio sia accaduto contemporaneamente a quel­lo di Giairo (su questo peraltro ci esprimeremo più avanti). Quel che al massimo si può supporre è che la terapia sia avvenuta in Galilea (la presenza delle folle sembra attestarlo), in un momento particolarmente favorevole a Gesù, e che la postulante sapesse della possibilità di guari­re «toccandolo» (come già risulta da Mc 3,10) o comunque pensasse di poterlo fare.

Sin dal primo versetto di questo episodio, Marco inizia a descri­vere l’iter clinico della paziente, sulla base di quello che lei stessa, di lì a poco, racconterà. Naturalmente dagli scarsi particolari della malattia è difficile sapere se fosse affetta da emofilia o da qualche altra emopatia (c’è chi parla di «metrorragia acuta»), né la nostra competenza diagno­stica è tale da permetterci di avanzare delle ipotesi (la stessa cifra usata per indicare la durata del male potrebbe essere simbolica o approssima­ta per eccesso). Qui si può soltanto ricordare che, in conformità alle nor­me del Levitico (15,19 ss.), una donna mestruata o che soffrisse di per­dite ematiche, non soltanto era considerata «impura» ma rendeva tali anche gli altri e tutte le cose al solo contatto (al pari, quasi, di una leb­brosa!).

26) e aveva molto sofferto per opera di molti medici, spendendo tutti i suoi averi senza nessun vantaggio, anzi peggiorando,

Più che soffermarsi sul tipo di malattia, Marco si sofferma sul tipo di donna. La quale, a quanto pare, non si era affatto rassegnata alla malattia, anche se aveva speso tutti i beni per trovare un medico più esperto di altri. Marco, usando un’espressione singolarmente dura, la­scia intendere che molti medici avessero approfittato della situazione per estorcerle con l’inganno del denaro. Viceversa Luca, che vuole di­fendere i suoi colleghi medici, si limita a sostenere che la malattia era incurabile.

Tuttavia Marco fa anche capire che la salute della donna era andata peggiorando, in quanto alla insopportabilità del male fisico si era aggiunta l’angoscia di non poterlo più sanare (con tutti i gravissimi pro­blemi di discriminazione sociale che questo avrebbe comportato).

27) udito parlare di Gesù, venne tra la folla, alle sue spalle, e gli toccò il mantello.

La fede di questa donna in Gesù si esprime in due modi: 1) ha sentito parlare delle sue terapie, senza probabilmente mai vederlo all’o­pera, a causa della sua condizione d’impurità; 2) è convinta che in lui esista un potere risanante favorevole di per sé ai bisognosi e così gran­de che si può trasmettere anche attraverso il «mantello»! Questo secon­do aspetto, che rivela il limite della postulante, costituirà un punto di rife­rimento privilegiato per quei racconti fittizi di contatti terapeutici dei sup­plici con Gesù (vedi Mc 6,56).

La donna, in effetti, ha una fede superstiziosa e disperata. A motivo del suo tabù sa di non potersi esporre (può stare in mezzo alla folla soltanto perché non era conosciuta); non solo, ma si vergogna di fermare Gesù e di supplicarlo a tu per tu: si sente estranea in quell’am­biente, teme di essere giudicata.

28) Diceva infatti: «Se riuscirò anche solo a toccare il suo mantello, sarò guarita».

Questo versetto è chiaramente un’aggiunta: Matteo, sospettan­do qualcosa, si è limitato a sostituire «diceva» con «pensava», senza però aumentarne la credibilità. Grazie ad esso infatti l’anonimo redattore invita a credere nella magia e nella stregoneria. Lo stesso Matteo usa deliberatamente il gesto della donna per uno scopo latreutico (il che può anche aver contribuito, in seguito, a promuovere, nell’ambito della chie­sa, il cosiddetto «culto delle reliquie»). Negli Atti degli apostoli (5,15) ci si è serviti di questo episodio per inventare la favola dell’«ombra risa­nante» di Pietro: col che in pratica non si faceva altro che legittimare il culto della sua personalità.

In realtà la grandezza della donna stava nel coraggio di aver trasgredito il divieto della legge, ovvero di essersi opposta alle conse­guenze sociali (ormai divenute assurde) che quella norma implicava, pur avendo tuttavia deciso di farlo in modo privato, quasi clandestino, scegliendo una soluzione parziale e riduttiva: appunto la superstizione.

29) E subito le si fermò il flusso di sangue, e sentì nel suo corpo che era guarita da quel male.

La forza della disperazione aveva vinto. Nel testo greco si capi­sce ancora meglio che senza questa «speranza contro ogni speranza» la donna non avrebbe ottenuto ciò che cercava. Quante volte i medici dicono che se il paziente non vuole guarire non c’è terapia che tenga? E quante volte si sente dire che fin quando non si tocca il «fondo» non si trova il coraggio per rialzarsi?

Se la donna – come dice Marco – ha avvertito «subito» l’istante in cui la malattia spariva, significa che qui abbiamo a che fare con una psicoterapia, cioè con una sorta di «effetto placebo» o di autosuggestio­ne. Un risultato ci fu, e anche a causa del mantello, se vogliamo, ma proprio perché «quella donna», e non un’altra, lo toccò. Fu proprio la forte intensità del desiderio a trasformare una cosa morta in una cosa viva (in inglese si direbbe wishful thinking). Naturalmente nessuno si era accorto di nulla.

30) Ma subito Gesù, avvertita la potenza ch’era uscita da lui, si voltò alla folla dicendo: «Chi mi ha toccato il mantello?».

Questo versetto è stato manipolato, evidentemente, da chi vole­va far credere nella divinità o super-umanità del Cristo ed è, come tale, una cattiva interpretazione della dinamica dei fatti. Gesù infatti non si ri­volge alla folla perché aveva sentito una dynamis uscirgli, ma – come ri­sulta anche dalla sua domanda – perché qualcuno gli aveva toccato, evidentemente in maniera un po’ brusca, il mantello o, come vogliono altre traduzioni, la «veste». Il fatto gli è parso strano perché non poteva certo pensare a un dispetto da parte di qualcuno della folla che in quel momento lo circondava. Se proprio qualcuno aveva bisogno di qualcosa perché chiederlo in maniera così furtiva?

Non solo, ma l’aggiunta, relativa alla dynamis, finisce con l’in­terpretare male anche lo stato d’animo di Gesù, il quale certamente non s’è fermato allo scopo di trovare chissà quale fede religiosa, ma sempli­cemente perché – come si è detto – quel gesto anomalo lo aveva incu­riosito. Era chiaro che qualcuno voleva comunicare con lui senza però poterlo fare. E Gesù, essendo di spalle, difficilmente avrebbe potuto in­dividuarlo.

31) I discepoli gli dissero: «Tu vedi la folla che ti stringe attorno e dici: Chi mi ha toccato?».

I discepoli guardano Gesù con occhi attoniti. Per loro la doman­da era del tutto assurda, anche nel caso si fosse trattato di un gesto vo­luto, intenzionale: in mezzo a quella confusione sarebbe stato impossi­bile rintracciarne l’autore. E si meravigliano che il «maestro» si formaliz­zi per cose del genere, cui da tempo è abituato. Forse si sentono un po’ in colpa per non averlo saputo proteggere al meglio (in qualità di servi­zio d’ordine), per cui tentano di giustificarsi, senza rendersi conto che Gesù non li avrebbe certo rimproverati, in quel momento, per una man­canza del genere.

32) Egli intanto guardava intorno, per vedere colei che aveva fatto questo.

Gesù non si rassegna e, senza dire una parola, si guarda intor­no, ma con discrezione, lasciando che dai suoi occhi traspaia non un fare inquisitoriale, ma solo lo stupore o la curiosità per l’inconsueto ge­sto. Avrebbe potuto soprassedere o fingere di nulla, continuando per la sua strada: forse l’effetto «emostatico» dell’azione non sarebbe venuto meno. In fondo, quante volte si fa del «bene» senza volerlo? Avendo in­vece intuito il dramma di chi vuole restare in incognito, preferisce atten­dere che il soggetto si faccia avanti spontaneamente, affinché la fede in lui come taumaturgo proceda verso un’istanza maggiore.

33) E la donna impaurita e tremante, sapendo ciò che le era accadu­to, venne, gli si gettò davanti e gli disse tutta la verità.

Immaginiamoci che cosa deve aver provato quella donna men­tre Gesù stava in attesa. Evidentemente non si aspettava ch’egli si ac­corgesse del suo gesto o che gli desse una qualche importanza. Molti lo stavano toccando e in fondo lei non era che una sconosciuta. Per un momento avrà anche pensato che, non riuscendo a individuarla, Gesù se ne sarebbe prima o poi andato: nulla infatti la costringeva a uscire dall’anonimato. Certo è che se avesse deciso di manifestarsi non avrebbe potuto nascondere il proprio gesto né la propria malattia con una bugia. Peraltro l’auto-rivelazione la esponeva al rischio d’una sanzione o di un rimprovero a causa della impurità legale, a motivo della quale non avrebbe dovuto trasgredire il divieto. La tensione dunque, nel suo animo, doveva essere forte.

Ad un certo punto, timens et tremens, venne fuori e raccontò tutto. Con umiltà «gli si gettò ai piedi» e con fede «gli disse tutta la veri­tà». L’episodio ha potuto essere scritto non perché Gesù s’era fermato ma perché lei s’era decisa a parlare. Se si fa riconoscere «tremando» è perché teme d’essere in qualche modo punita, ma se si fa riconoscere, non essendovi obbligata da niente e da nessuno, è perché spera di non esserlo. Non poteva averne la certezza matematica, perché in questo caso non avrebbe indugiato. Si era semplicemente fidata del fatto che il comportamento di Gesù (tra la folla e con i discepoli) non aveva dato adito, fino a quel momento, a dubbi e sospetti sulla sua «buona volontà».

La donna, consapevole del rischio di poter tornare malata come prima (eventualità cui andava aggiunta la vergogna di essere stata ri­presa pubblicamente), accetta di aver fiducia nella misericordia e nel senso di giustizia di un guaritore intelligente, che saprà capire la dram­maticità del caso, nonché l’esigenza di fare un’eccezione alla regola mosaica. Marco precisa che la verità da lei raccontata era «tutta».

34) Gesù rispose: «Figlia, la tua fede ti ha salvata. Va’ in pace e sii guarita dal tuo male».

La fede non l’aveva semplicemente «guarita» (come vuole Mat­teo), ma anche «salvata», e precisamente dall’angoscia di credere d’a­ver compiuto un’azione illegale, ovvero dal timore di doverne subire le conseguenze. La donna aveva capito che non tutto quanto era illecito per la legge, lo era anche per il Cristo, il quale la chiama «figlia» appun­to per toglierla dallo scrupolo di sentirsi una ex-lege. Gesù non premia la fede politicamente incerta e moralmente superstiziosa della donna «clandestina», ma la fede etica e politica della donna «manifesta», in quanto le ha riconosciuto ufficialmente il diritto di violare la norma giuri­dica che la teneva in segregazione. Ed egli lo ha fatto sulla base del principio secondo cui una persona ritenuta «fisicamente impura» (cioè legalmente interdetta) può essere capace, se vuole, di azioni moralmen­te lecite, al pari di una qualunque altra persona, anzi, a volte può essere capace di giudicare l’iniquità della stessa legge, compiendo azioni più valide di quelle legalmente permesse. In questo senso l’episodio si pone come una diretta conseguenza di quello del paralitico e come un’anticipazione di quello dell’uomo dalla mano inaridita.

La donna, in sostanza, era stata grande non nel momento in cui si era opposta, toccando il mantello, all’emarginazione sociale (poiché aveva fatto questo nel dubbio della colpevolezza e con un gesto magico e furtivo), ma nel momento in cui, uscendo dalla clandestinità, aveva ca­pito che anche per Gesù questa forma di discriminazione andava supe­rata.

Sul fatto che Gesù contesti l’efficacia dell’atto superstizioso pro­prio mentre assicura all’emorroissa (toccandola, è da presumere) la guarigione, vi sono state delle controversie fra gli esegeti. In effetti, si potrebbe anche pensare che Gesù, dicendo «sii guarita», volesse sem­plicemente costatare l’avvenuta terapia (promettendone l’irreversibilità), affinché nessuno nutrisse ancora qualche sospetto sulla confessione di lei e si ostinasse quindi a tenerla emarginata. Ma in tal modo egli avreb­be fatto un torto sia alla donna che alla folla: a questa, perché avrebbe dato per scontato che la maggioranza era scettica; a quella, perché le avrebbe messo in dubbio la confessione. Ha forse bisogno d’essere confermato chi, pur potendolo tranquillamente evitare, senza alcun pro­blema, dice la verità spontaneamente, rischiando, in tal modo e per di più, delle spiacevoli conseguenze? I sospetti della gente che non crede non devono forse dissiparsi da soli?

Una traduzione accurata delle parole con cui Gesù ha congeda­to la donna, potrebbe essere la seguente: «La tua fede ha reso possibi­le salvarti». Ora, se si intende per «salvezza», alla maniera ebraica, quella integrale della persona (nei suoi aspetti fisici e morali), l’espres­sione semitica «va’ in pace» e quella aramaizzante «sii guarita dal tuo male» devono per forza riferirsi, l’una, al superamento dell’angoscia, l’altra, alla guarigione ematica.

Qui però bisogna intendersi. La donna credeva di potersi salva­re (dall’emarginazione) guarendo. Gesù invece ha capovolto i termini: la vera guarigione è stata possibile solo a causa della fede che le ha per­messo di salvarsi dal dubbio dell’illegalità. Agli occhi di Gesù la guarigio­ne ottenuta dalla donna con la magia era semplicemente illusoria, come d’altra parte lo sarebbe stata la relativa salvezza, poiché la donna avrebbe sì superato l’emarginazione (fin tanto che durava l’effetto place­bo), ma sempre nel dubbio di aver commesso un’azione illecita. Il signi­ficato del racconto di Marco vuole invece farci capire che la fede politica della donna aveva permesso a Gesù di sanarla definitivamente, facen­dola uscire dall’autoinganno della sua fede superstiziosa e mostrando a tutti che l’intenzione di superare il divieto giuridico era più che legittima.

Le versioni di Luca e Matteo sono molto diverse da quella di Marco. Le vediamo solo adesso proprio per questa ragione.

In quella di Matteo, estremamente sintetica, Gesù, appena sen­te d’essere stato toccato nella veste, si gira e… non dà neppure il tempo alla donna di nascondersi tra la folla: d’altra parte una persona che ha «fede» non può sfuggire o passare inosservata al «figlio di dio»! La folla peraltro non sembra neanche presente: cosa che, se fosse vera, rende­rebbe del tutto incomprensibile la tattica scelta dalla donna.

L’emorroissa di Matteo viene premiata da Gesù proprio per la sua fede superstiziosa! Gesù rende pienamente manifesto e legittimo ciò che la donna si era limitata soltanto a «pensare». E che Matteo non contraddica l’idea magica della donna, lo dimostra un’altra sua afferma­zione, detta in un contesto diverso: «e lo pregavano di poter toccare al­meno l’orlo del suo mantello, e quanti lo toccavano guarivano» (14,36).

Ma si ha anche l’impressione, leggendo il suo racconto, che la guarigione non sia dipesa tanto dalla fede magica della donna (un cre­dente direbbe «religiosa», essendo qui in causa lo stesso Gesù), quanto dal riconoscimento esplicito che le fa Gesù, il quale, nel mentre la rassi­cura sulla liceità «morale» del gesto, decide di premiarla, garantendole definitivamente la guarigione.

In altre parole, Matteo, che è generalmente scettico sulle capa­cità umane di bene, preferisce far vedere che senza il consenso di una «forza superiore» (in questo caso il «superuomo-Gesù») i postulanti non potrebbero ottenere ciò che desiderano. Matteo insomma elimina tutto il dramma psicologico della donna e tutto il contenuto innovativo del suo dialogo col messia: a lui non interessa evidenziare il fatto che la donna, uscendo dalla clandestinità, aveva compiuto un gesto coraggioso, politi­camente significativo per quel tempo. La fede dell’emorroissa è quella in Gesù come «guaritore grande e buono» e, in tal senso, la tipologia del racconto è alquanto convenzionale e la pretesa apologetica di Matteo si esprime nella forma consueta del paternalismo.

La versione di Luca è più complicata ma non meno inverosimi­le. Appena toccato, Gesù si volta, chiedendo chi sia stato. La folla nega di avergli voluto fare del male intenzionalmente. Pietro e gli altri disce­poli giustificano la possibilità di un incidente, dicendo che la folla è nu­merosa, e si meravigliano che lui non comprenda la situazione. Ma Gesù insiste, e per non apparire un formalista o un eccentrico, dichiara che una «potenza» gli è uscita. In tal modo Luca convalida la giustezza morale del gesto superstizioso e presenta il terapeuta come un «supe­ruomo».

A questo punto la donna, «vedendo che non era rimasta inos­servata» (8,47), cioè che non poteva rimanere nascosta, confessa la ve­rità davanti a «tutti». La folla, per Luca, è «credente» quasi quanto il Cri­sto. Infatti, come prima essa aveva protetto la donna, convinta che non avesse fatto nulla di male, così ora, con uno sguardo persuasivo, la invi­ta a manifestarsi, avendo intuito che Gesù non vuole castigarla ma sol­tanto conoscerla.

Secondo Luca l’emorroissa è una donna di fede senza saperlo, è una credente di categoria leggermente inferiore a quella della folla: ecco perché si presenta davanti a Gesù «tremando». Non rendendosi conto che solo con la fede poteva sottrargli una «potenza», teme d’es­sere rimproverata per averlo fatto in maniera furtiva (in Marco, al contra­rio, lei non avrebbe dovuto farlo in alcun modo, a causa della sua «im­purità»).

Alla fine del racconto di Luca, Cristo premia la fede «manifesta» della donna, quella con cui essa aveva potuto «salvarsi» dal dubbio d’a­ver commesso un’azione illecita. L’altra fede, quella per cui aveva otte­nuto la guarigione, non ha bisogno, per Luca, di alcun riconoscimento. La donna, in fieri, era già cristiana.

Annunci

Autore: laicusblog

webmaster www.homolaicus.com

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...